fbpx

testata

Vota questo articolo
(7 Voti)

38° ANNIVERSARIO DELLA MORTE DI S.M. IL RE UMBERTO II - 18 marzo 1983 In evidenza

Sono trascorsi 38 anni dalla scomparsa di Umberto II Re d’Italia.

Tumulo Re Umberto

Umberto di Savoia è nato a Racconigi (Cuneo), il 15 settembre 1904 e morto a Ginevra il 18 marzo 1983.

Divenne Re d’Italia, dal 9 maggio 1946 in seguito all’abdicazione di Vittorio Emanuele III.

Umberto regnò per poco più di 30 giorni tanto da fargli conseguire l’appellativo di “Re di maggio”.

Re Umberto II giardini del quirinale

Nonostante il suo proclama, con un duro messaggio di protesta contro “il colpo di stato” compiuto dal Governo prima della pronuncia definitiva della Cassazione sui risultati del referendum, che si conclude però con una nota pacificatrice e con lo sciogliere dal giuramento di fedeltà alla Corona quanti lo avevano prestato, per evitare appunto complicazioni politiche, dopo i brogli elettorali del referendum istituzionale del 1946 i quali risultati del 2 giugno furono annunciati il 10 giugno dalla Corte di Cassazione rimandando ad altra adunanza il giudizio definitivo su contestazioni, numero complessivo degli elettori votanti e quello dei voti nulli, Umberto II lascia l’Italia il 13 giugno consapevole anche del fatto che se non avesse agito così, la situazione sarebbe degenerata in una guerra civile tra monarchici e repubblicani.

Il suo grande merito fu di aver evitato la guerra civile che avrebbe diviso quell’Italia unita proprio dai Savoia.

Giornali nascita repubblica

E comunque la transizione non fu certamente indolore, in quanto forti proteste dei filo-monarchici furono represse nel sangue in tutta Italia. Nella notte del 12 giugno, il governo convocato da Alcide de Gasperi decise che si era creato un regime transitorio e che le funzioni di Capo dello Stato dovessero passare al Presidente del Consiglio.

Umberto II dichiarò in seguito: «La Repubblica si può reggere col 51%, la Monarchia no. La Monarchia non è un partito. È un istituto mistico, irrazionale, capace di suscitare negli uomini incredibile volontà di sacrificio. Deve essere un simbolo caro o non è nulla

L’aereo che partì da Ciampino portò il re in Portogallo, prima a Colares e poi a Cascais vicino Lisbona. Con lui la consorte Maria Josè, sposata nel 1930 a Roma, figlia di Alberto I del Belgio.

In un’intervista il re dichiarò: «La mia partenza dall’Italia doveva essere una lontananza di qualche tempo in attesa che le passioni si placassero. Poi pensavo di poter tornare per dare anch’io, umilmente e senza avallare turbamenti dell’ordine pubblico, il mio apporto all’opera di pacificazione e di ricostruzione

Purtroppo… non è stato così…

Re Umberto si spegne il 18 marzo 1983 (dopo 37 anni di esilio) con la parola “Italia” sulle labbra, all’età di 79 anni nell’Ospedale Cantonale di Ginevra, e il 24 marzo 1983 Umberto II viene tumulato nell’Abbazia di Altacomba, in Savoia, Francia.

Morte Re Umberto II

AUGURI AD UN RE, MA SOPRATTUTTO AD UN UOMO CHE COME POCHI ALTRI HANNO SAPUTO AMARE LA NOSTRA BELLA PENISOLA ITALICA.

Umberto II monete

In conclusione...

A quanto pare per lui l’Art. 3 della Costituzione più bella del mondo non valeva e non vale ancora…
Art. 3 Costituzione

 

Letto 159 volte

Radiotruman TV

  • RadioTruman nasce nel 1997 dalla collaborazione di un gruppo di artisti come una delle prime web radio in Italia. Editore della Radio è la "Nuova Videogram"  (www.videogram.mc) appartenente al Gruppo MC Communications & Promotions con sede in Montecarlo.

RadioTrumanLogo

Contatti

44, Bd d'Italie
Monaco, 98000
Principato di Monaco
Mobile: +33 607 939 657
radiotrumantv.com/